lunedì 28 giugno 2010

Diario di giornate belle e giornate "così così"

Ci sono dei giorni grigi, come ad esempio quando vuoi fare una passeggiata domenicale sul lungo mare,


accosti la machina con l’idea di guardare romanticamente l’orizzonte e respirare il tepore del sole, e proprio in quel fatidico istante, mentre sei immersa nei sogni e nelle fantasie, senti un soave pfffff e ti rendi conto che, ad un lieve contatto con il marciapiede, si è spaccata la ruota della tua auto, e così la passeggiata si trasforma in due esseri umani imbrattati di nero, con il libretto delle istruzioni della macchina tra le mani, perchè non era mai capitato prima, con i nervi a pezzi e quel tepore del sole tanto desiderato è ormai diventato un fastidioso fuoco che brucia il cuoio capelluto, ed è proprio quello il momento in cui capisci come tutto è relativo, altro che Einstein!

Ci sono giorni in cui ti svegli e decidi di collegarti ad internet, ma ti accorgi che non c’è linea. Riavvii, spegni, riconnetti, nome utente, password, non ti arrendi, rifai tutto da capo per cinque volte e poi ti rassegni. Poi riprovi ancora e nulla, allora decidi di fare altro, ma tutto il resto lo vorresti rimandare. Allora meglio fare una bella chiacchierata al telefono. Cominci a digitare il numero e... una voce meccanica si intromette tra te e i tuoi pensieri: “ da questa linea per problemi amministrativi si può solo chiamare ai numeri d’emergenza e a quelli della telecom”. Ehhh????

Cosa è successo? Niente connessione niente telefonate. Sembra la tipica cosa che ti accade se non paghi la bolletta, ma è impossibile, è canalizzata. Allora ti costringi a chiamare al callcenter, e con tutto il rispetto per chi svolge questo amaro lavoro (ne ho due in famiglia), io non sopporto queste telefonate. Ma devo. Attesa di quattro minuti nella quale senti una musica ossessiva, ti viene in mente De Sica junior e Belen, li vorresti inseguire con la cornetta del telefono in mano, decidi allora di cambiare pensiero per evitare di essere troppo arrabbiata quando parlerai con l’operatore umano, senti tutta la pubblicità e le offerte e ti rifiuti di ascoltarle.

Finalmente risponde una gentile signora che alla tua domanda ti risponde stizzita e sconcertata che tu non hai pagato tre bollette. Mantieni la calma e gentilmente le spieghi che tutto è canalizzato, anche volendo non pagare sei costretto a farlo, allora lei capisce e scopre l’arcano, un suo collega chissà perchè ha deciso di togliere l’addebito alla posta e non ti hanno nemmeno mandato i bollettini a casa, così almeno lo capivi.

Ed allora per cercare di vedere le cose positive ripensi a quando eri a casa tutta scompigliata, capelli a istrice, trucco spiaccicato, e bussano al tuo cancello, ti affacci imbarazzata e vedi una sconosciuta con un piatto in mano. La raggiungi e lei è una vicina che non avevi mai visto prima, che per farti sentire benvoluta ti sta regalando dei pesci appena pescati,
che è dispiaciuta per noi per il fatto che in zona non ci sono altri giovani con cui fare amicizia, perchè i suoi figli e nuore sono tutti dovuti emigrare e lei è rimasta sola col marito, ma che ugualmente il posto potrà essere piacevole perchè “è bello e tranquillo”. E tu che non ti aspettavi tutta questa accoglienza sei contenta e la vorresti abbracciare, e quei pesciolini sono un dono prezioso. E così le alici diventeranno la base per due nuove ricette, “alici alla livornese” e una “pasta c’anciova” rivisitata.


In serata il cugino vicino di casa ci regala anche dei bellissimi pomodori del suo orto che sembrano finti per quanto sono perfetti

e li cucinerai in padella (prossimamente ricetta)


e così guardando il tuo piccolo orticello speri che i nuovi pomodori appena spuntati possano crescere e arrossire, e che anche tutto il resto possa andare bene.


Morale: se pure ci sono giorni neri, basta soffermarsi di più sulle piccole cose piacevoli, la generosità umana, le piccole ma grandi sorprese, per stare un po’ meglio. La vita è così, un po’ ti fa arrabbiare, un po’ ti fa gioire, certe volte prevale un aspetto certe volte un altro. Quando tutto sembra negativo bisogna avere la pazienza di aspettare i momenti migliori.
P.s. andate su Blog di cucina per la nuova ricetta della rubrica La Sicilia in tavola, scritta da Scarlett

11 commenti:

Scarlett: ha detto...

hai ragione ci son giornate che la gioia ti assale e altre che il nervosismo e la rabbia prendono in maniera esagerata il sopravvento..ma poi trovare la felicita'' in piccoli gesti di amicizia e calore umano ti fan capire che la vera felicita' e' fatta solo di attimi e se si impara a coglierli tutto diventa piu' roseo...percepisco che all'improvviso la tua vita e' cambiata ma la tua vera essenza no!!baci e complimenti per le ricettina e aspetto di conoscere l'altra,i pomodori crescon bene,ti avevo scritto qualche tempo fa che veder crescere cio' che si e' seminato porta tanta soddisfazione,l'attesa,la fatica,il sudore fanno sempre la differenza ricordalo..bacioni e sempre mille grazie per il bel post!!!

GM C ha detto...

Alla fine il sorriso umano ci riconcilia con tutto il mondo! Vado a prendere la ricetta per la pasta nell'altro sito :)

I pasticci di Roby ha detto...

Che meraviglia, capito per caso nel tuo blog,zompettando dal mio a quello di Scarlett fino al tuo e cosa scopro?Dei meravigliosi racconti di un luogo dove a breve verrò ad abitare!Grazie per avermi illustrato in maniera tanto poetica la deliziosa cittadina di Terrasini, sarà un piacere per me diventare vicine di casa e intanto ti verrò a trovare presto nel tuo blog.Un caro saluto,Roberta

JAJO ha detto...

Certo che da un po' di tempo a questa parte ci vorrebbe un viaggetto a Lourdes :-(
Però mi piace il tuo spirito: riesci sempre a trovare qualcosa di positivo !

P.s.: quei pomodori sono splendidi: le mie piantine sono a 20 centimetri... speriamo riescano a crescere belle come le tue (anche se non ho un cugino come il tuo a disposizione per curarle al meglio :-D)

lucy ha detto...

hai ragione e mi hai fatto ridere con questi racconti purtroppo molto veritieri e che capitano spesso almeno a me.complimenti per la ricetta e grazie delal visita!

Ginestra ha detto...

Mia cara, per fortuna hai lasciato un commento da me altrimenti non avrei scoperto questo blog fantastico!! Ma che meraviglia!! E che ricette!! Vi seguirò!! Un abbraccio

Claudia ha detto...

A chi lo dici cara!! Ci son giornate che iniziano proprio a cavolo..... e finiscono alla stessa maniera.. E' difficile .. ma come dici tu.. in quei momenti si dovrebbe pensare alle cose belle che abbiamo.. smackk e buona giornata :-)

Ginestra ha detto...

Scusa ancora il disturbo, ma la nostra comune amica cuoca Scarlett, mi ha ricordato via mail di mandare una ricetta alla rubrica Sicilia in tavola, e così mi sono ricordata di aver già partecipato con la granita al pistacchio e le brioches col tuppo, non riesco ad accedere alla raccolta di ricette della rubrica e quindi non vedo se avete tutto....se trovo la mail di conferma :)....ma come e quanto sono di fuori!! :(

germana ha detto...

Hai proprio ragione cara Evelin, le giornate no sono molte, però...

Agave ha detto...

@Scarlett: bacioni e grazie a te per le tue parole!
@GM C: un sorriso è sempre una ottima cura!
@Roby: Terrasini è un bel luogo, vedrai che ti troverai bene, ciao!
@Jajo: se avessi visto il mio spirito mentre cambiavamo la ruota o quando ho visto poco dopo che non c'era linea, penseresti altro di me (povero Massimo)!!! Poi però ci ripenso e tiro fuori il mio spirito più ironico.
@Lucy: si queste cose un pò fantozziane mi capitano spesso! Grazie e a presto!
@Ginestra: grazie, ed il tuo blog è molto bello! La tua ricetta sarà la prossima che pubblicherò, sto già preparando il post, appena pronta ti avviso.
@ Claudia: io (alle cose positive) ci penso, magari dopo qualche ora, ma poi ci penso!!!
@Germana: tante giornate no, e quando ci sono quelle si, bisogna tenersele strette.

raffaella ha detto...

che bello leggere quanto hai scritto. Mi è venuto in mente Tonino Guerra... mi sono messa a ridere e ho pensato che invece è tutto relativo, basta guardarlo secondo una diversa prospettiva.
Siete grandiiii

Blog Widget by LinkWithin