sabato 4 aprile 2009

La domenica delle palme e il punteruolo rosso

La domenica delle palme, per ricordare l’accoglienza data a Gesù nella città di Gerusalemme, c’è l’usanza di benedire in Chiesa le palme o i rami di ulivo, che poi verranno esposte in casa o regalate ai parenti, per augurare loro salute e serenità. Questi ramoscelli verranno conservati tutto l’anno (pena sfortune e sventure) e sostituiti solo l’anno successivo con quelli nuovi.

Forse è per questo che quando si compra qualcosa (per esempio un vestito o altro), e per un “rigurgito anticonsumista”, si decide di non usarlo subito, per conservarlo per un’occasione importante, o per non sciuparlo in fretta, si usa dire ironicamente “ma tu sarbi pa duminica di Palmi?” (Ma lo conservi per la domenica delle Palme?).

Il giorno delle Palme, Palermo si riempie di particolari personaggi, i venditori di palme, che si appostano davanti ad ogni Chiesa ed ai semafori della città, dotati di rami di ulivo dorati o argentati e soprattutto di palme intrecciate e decorate. Questo è uno dei tanti strani mestieri di Palermo, svolto da uomini spesso accompagnati dai loro bambini, pronti a fermare ogni passante urlando forte “palme, palme!”. Anticamente ad intrecciare con cura i rami di palme, creando delle particolari figure, erano degli artigiani chiamati “palmari”, che almeno un mese prima della domenica delle palme, potavano i rami più belli e dopo averli fatti seccare, li intrecciavano con dovizia. Oggi a svolgere questo compito e a rifornire i venditori sono i fiorai.



Da un po’ di anni però a minare questa usanza c’è un piccolo nemico di colore rosso (che non è nè un piccolo vescovo contrario alle tradizioni scaramantiche più che religiose, nè tanto meno un anticlericale comunista), dall’aspetto inquietante, che si è messo in testa di cambiare l’aspetto della nostra città e di dar fine a questo particolare mestiere, mangiando con voracità tutte le palme che adornano Palermo, fino a ridurle simili a quei secchi ombrelloni che si trovano sulle spiagge.

Il nemico mangione di palme è il punteruolo rosso, un insetto simile ad uno scarafaggio, che dal 2005 è arrivato in Sicilia, non certo per sua volontà, ma perchè portato dall’Egitto da un avido vivaista italiano che aveva acquistato le piantine di palma infestate di larve, per rivenderle a caro prezzo.
Da allora l’animaletto ha trovato tanto buon cibo, ha divorato indisturbato moltissime palme, nessuno riesce a fermarlo, ci hanno provato grandi menti e scienziati di tutto il mondo. Hanno tentato con insetticidi e gas letali che hanno avuto come unico effetto solo quello di uccidere altri insetti, rettili e uccelli e di inquinare le falde acquifere, hanno provato con sonde acustiche che permettono di sentire il rumore dei punteruoli che mangiano le palme dall’interno, con ferormoni e con punteruoli maschi resi sterili, ma per ora il punteruolo ha la meglio sull’intervento dell’uomo, che in effetti è il vero colpevole di questa situazione, perchè prima di arrivare qui, il punteruolo viveva tranquillamente in Nuova Guinea, dove non arrecava alcun problema perchè era inserito in un ecosistema che anzi lo rendeva utile (le sue larve rappresentavano addirittura un alimento ricco di proteine).

Quando dagli avidi umani furono diffuse le palme da olio, per friggere le patatine, il rosso insetto, come tutto l’ecosistema, si sconvolse e poi pian piano eccolo qui a mangiare le nostre palme corrodendole dall’interno e ricordandoci brutalmente che la natura ogni tanto si ribella!
Quando domani vedrò le palme decorate esposte vicino alle Chiese e negli appartamenti della gente che conosco, un pensiero andrà anche al punteruolo rosso, che spero un giorno, dopo averci dato questa lezione, abbandoni le nostre palme che ci piacciono tanto, e possa trovare lidi migliori, in cui essere di nuovo utile e amato, e soprattutto spero che l’essere umano capisca che la natura va amata e rispettata, perchè ci sarà sempre un piccolo ribelle che, inconsapevole, prenderà per i fondelli anche le più grandi menti umane!

9 commenti:

germana ha detto...

Bellissimo questo post, é proprio vero che madre natura a forza di subire scempi, (disboscamenti selvaggi, le rive dei nostri fossi che continuano a franare perché sono state abbattute tutte le piante che con le loro radici tengono insieme la terra e tanto altro ancora) poi si ribella ed ha RAGIONE.
Quando capiremo tutto questo non sarà troppo tardi?
Buona settimana
Un bacione

Le Pappe di Alessandra! ha detto...

:(
Ma quanto sono belle le palme???

Luca and Sabrina ha detto...

Le tradizioni fanno parte della nostra cultura, forse sono ormai quasi le uniche cose non intaccate e corrose dalla tecnologia. Da noi c'è l'usanza di conservare il ramo d'ulivo tutto l'anno e di sostituirlo poi con quello nuovo. Il vecchio andrà bruciato e non semplicemente buttato tra i rifiuti. Non conoscevamo nemmeno l'esistenza del punteruolo rosso, che sta gravemente minando a quanto pare le palme. E' incredibile come riesca a sopravvivere davanti a tutti gli interventi che gli uomini hanno fatto per eliminarlo. Quello che ci auspichiamo anche noi è che i punteruoli emigrino verso altri lidi, dove possano rendersi utili e siano i benvenuti. E che finalmente le palme possano continuare a crescere rigogliose!
Un abbraccio da Sabrina&Luca

Agave ha detto...

Ciao Germana, Alessandra, Luca e Sabrina. Quello che sta succedendo è un vero scempio. Ormai sono tantissime le palme che stanno seccando, e la loro vista fa tristezza, molte ormai hanno la cima mozzata, peccato perchè caratterizzano molto la città, ed alcune erano veramente antiche. Speriamo che trovino una soluzione positiva e che la gente possa amare di più ciò che la circonda.
Evelin

raffaella ha detto...

Ve la possiamo dire una cosa?
Siete dei GRANDIIIIIIIIIIIIII

raffa&dani

JAJO ha detto...

Ciao Evelin, porca miseria non la sapevo 'sta cosa del punteruolo rosso :-/
Anche da noi a Roma c'è la stessa tradizione descritta da Sabrina e Luca (anche se oramai quasi nessuno la segue più...)

Mirtilla ha detto...

questo punteruolo ha fatto davvero parecchi danni...peccato

Agave ha detto...

Carissimi Raffa e Dany, che bello trovarvi qui!!!
Questo complimento fatto da voi è veramente importante, perchè oltre ad essere tra i migliori gestori di veri b&b di Palermo, siete anche persone speciali in tutti i sensi!
Un abbraccio
Evelin e Massimo

Ciao Jajo e Mirtilla, si questa storia del punteruolo è proprio incredibile! Per quanto riguarda i rami di ulivo e palme benedette, in effetti non so se anche qui si bruciano, o si gettano direttamente tra i rifiuti, certo è più romantica la prima opzione !

Baci a tutti

M@rì ha detto...

Le piante sono degli esseri viventi che necessitano di molte cure e attenzioni.
Fino a quando il comune di Palermo non prenderà atto di questo e capirà che l'equilibrio delle piante è un equilibrio precario e delicato il nostro verde sarà destinato a scomparire totalmente.
Il Punteruolo Rosso ha fatto strage a Palermo perchà quì ha trovato l'abitat ideale per vivere tranquillo e sereno fra il marciume delle foglie secche e i rami in stato di putrefazione che vengono potati raramente e solo in occasioni di eccezionale emergenza sanitaria.

Blog Widget by LinkWithin