giovedì 11 dicembre 2008

La Cuccìa di Santa Lucia

You can find this recipe in English on I Love Palermo

Il nome “cuccìa” origina dal termine dialettale “cocciu” cioè chicco.
E’ una pietanza che trae origine dalla dominazione musulmana (in alcune città del Nord Africa esistono piatti molto simili con grano bollito, crema di latte e cannella).

Una leggenda palermitana fa risalire l’origine della cuccìa da un episodio avvenuto durante la dominazione spagnola in Sicilia. A Palermo ci sarebbe stato un lungo periodo di carestia, i palermitani chiesero grazia alla Santa siracusana, che fece arrivare al porto (il 13 dicembre) un bastimento carico di grano, che la gente, dalla tanta fame, non fece i tempo a macinare e a panificare , ma lo mangiò semplicemente bollito e condito con olio. Da qui la cuccìa e il “fioretto” di non mangiare pane e pasta per la commemorazione di questo evento e per rispettare la santa. I trasgressori, si diceva, sarebbero diventati ciechi come Santa Lucia.

Di fatto questa leggenda non corrisponde a verità, e in ogni caso è stata “presa in prestito” da una leggenda siracusana. Infatti anche i concittadini della santa raccontano lo stesso episodio, ricordando che nel 1646 ci fu una carestia a Siracusa (ed in effetti se proprio dobbiamo credere a queste storie, sarebbe più “logico” pensare che la santa abbia aiutato i suoi concittadini).

E’ probabile che i palermitani si siano appropriati di questo episodio, perchè da buoni amanti del cibo (ma anche un po’ superstiziosi), hanno avuto un occasione per creare un piatto molto goloso (che poco ha a che fare con la cuccìa molto semplice con olio), per fare un fioretto da “veri devoti”, non mangiando pane e pasta, ma consolandosi con una serie infinita di leccornie (arancine, gattò di patate, panelle e crocchè, cuccìa con ricotta e crema etc), preservandosi così la vista, sentendosi l’anima in pace, ma non rinunciando a deliziare lo stomaco.

La preparazione della cuccìa è quasi un rito nelle famiglie siciliane e palermitane in particolare, la tradizione vuole che questo dolce sia distribuito a familiari, amici e vicini di casa.

Ricetta tradizionale con crema di ricotta:

Ingredienti: 500gr di grano, 200gr di zucchero a velo, 1,5kg di ricotta fresca, 50gr di frutta candita (preferibilmente cedro, scorzetta d’arancia o zuccata) tagliata a pezzetti, 200gr di cioccolato fondente.

Lavorazione:
Preparare il grano: metterlo in una pentola con acqua fredda per tre giorni, cambiando l’acqua continuamente. La sera prima della festa, mettere il grano a cuocere in un tegame, coperto d’acqua con un pizzico di sale, scolarlo bene.
Preparare la crema: setacciare (si può anche passarla con il frullatore) la ricotta, aggiungere lo zucchero a velo e mescolare bene. spezzettare il cioccolato a scagliette, aggiungere alla crema la frutta candita e le scaglie di cioccolato e mescolare delicatamente (c’è anche chi aggiunge la cannella).
Infine aggiungere il grano alla crema. Si può anche riporre in frigorifero.

Ricetta con crema di latte:

Ingredienti: 500gr di grano, 120gr di amido, 1 litro e mezzo di latte, 200gr di zucchero, 200gr di cioccolato fondente, 50gr di frutta candita a pezzetti.

Lavorazione:
Preparare il grano come sopra.
Per la crema, sciogliere l’amido nel latte freddo, mescolando con una frusta, far cuocere a fuoco basso mescolando continuamente. Spegnere il fuoco non appena sarà addensato. Aggiungere il grano. Far raffreddare e unire il cioccolato ridotto a scagliette e la frutta candita a pezzetti.
Questa è una base per altri tipi di creme, al cioccolato, crema gialla ecc., con cui si può condire la cuccìa.

6 commenti:

ZIA MARIA VITTORIA ha detto...

CIAO EVELIN, BRAVA COME SEMPRE A FARE OSSERVARE LE NOSTRE TRADIZIONI CULINARIE QUANDO SI PRESENTA UNA FESTA A PALERMO.PERO' CREDO CHE NELLA CUCCIA CHE SI FA' COME DOLCE è BENE NON METTERE IL SALE NELLA BOLLITURA DEL GRANO. FACEVO ANCH'IO COSI' FINCHE' HO SCOPERTO CHE ERA PIU' BUONA SENZA SALE.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Mi attira davvero questo piatto.

Mi piacerebbe assaggiarlo.

cinzia cipri' ha detto...

mammaaaaaaaaa, lo sapete che io ne vado matta vero? ceeeeeeerto!
vengo a palermo il 13 appositamente!
:D

germana ha detto...

Che ricetta originale!!!
Brava Evelin, prima di tutto mantenere le tradizioni.
Brava
Un bacione
germana

Elena ha detto...

Buona...."zia Maria Vittoria" nonchè mamma...fammela trovare con la crema di latte. A me con la ricotta non piace tanto...te lo ricordi veroooooooo???????
Brava Evy. Penso anche io di mettere un post giorno 13 con la cuccia!

Agave ha detto...

Ciao a tutti, la cuccia è proprio un dolce storico, il mio titpo preferito è con la ricotta (ma con pochi canditi e molto cioccolto,) però per assaggiarla bisogna venire qui a Palermo il 13 dicembre (penso che nelle pasticcerie si trovi solo in questo periodo), oppure cucinarla in casa, ma certo il sapore migliora con l'atmosfera palermitana!!!!

Zia, io in realtà non l'ho mai cucinata, perchè fortunatamente c'è chi la prepara anche per me!!! Ora correggo il post e scrivo che il sale è facoltativo.

Baci per tutti e grazie per i vostri commenti!
Evelin

Blog Widget by LinkWithin